3 novembre 2011

"Spesso ci si imbatte nel proprio destino sulla strada presa per evitarlo" (le grandi verità - Kung Fu Panda edition)

E niente, poi lo capisci in un attimo.

Che la vita non te la giochi mai tutta in un momento a prescindere dalla misura del tuo investimento in esso. Che di momenti è pieno ogni giorno, che ci sono delle scelte da fare e che vanno fatte, che ogni tanto hai la sensazione di arrancare come a cercare di tenere su un muro di sabbia asciutta che frana da tutte le parti ma il segreto sta nel continuare a provarci o nel dargli una forma nuova.

Che la sfortuna esiste ma esiste anche il suo contrario, che bisogna sempre rilanciare, che quello che ti sembra un'eternità in realtà è un battito di ciglia, che nelle strade che fino ad un momento potevano essere definite alternative potrebbe esserci un'idea per una nuova via.

Che la vita a volte è proprio stronza e a volte meravigliosa nella sua capacità di sorprenderti, che bisogna continuare a credere al sogno se hai la fortuna di averne uno solo - immenso, cercando di fare in modo comunque che tale sogno non ti renda mai completamente cieca, che la gente che ti vuole bene sarà con te e troverà il modo per adattarsi ad ogni tua nuova forma, che siamo creature mutanti, grazieadio, capaci di immensi slanci, sogni, schianti.

Che ci si fa male, tantissimo, ma ci si rialza perchè non se ne può fare a meno e con gli occhi ancora lucidi si alza la testa e si cerca un punto lontano a cui tendere, perchè guardarsi i piedi non è interessante e siamo fatti per andare, per provare, per fallire, per riuscire, in un dosaggio alternato e spesso sbilanciato e pazzo, ma c'è sempre dentro un po' di tutto, si tratta solo di saperlo leggere.
Che a volte si è stanchi e si abbassa l'asticella della soddisfazione, e allora ci si fanno andare bene cose che non, bisogna concederselo, bisogna stagnare per un po' prima di tornare a muoversi.

Che il fallimento è praticamente certo, ma la forza sta nel riprovarci ancora e ancora.
Siamo esseri speciali, siamo creature coraggiose, inseguiamo sogni armati soltanto di entusiasmo e lavoro. Cazzo, che fatica certi giorni.

Ho capito tutto questo dentro una pizzetta. Devo assolutamente informarmi sull'impasto.

6 commenti:

  1. Dopodiché condividilo [l'impasto], pliz.
    Gran bel post, in un momento critico. Per me.

    RispondiElimina
  2. e la pizzetta fu rivelatrice!

    RispondiElimina
  3. Io mi ripeto sempre una frase degli Afterhours
    "il tuo diploma in fallimento è una laurea per reagire".
    E nel mio caso ha funzionato benissimo.

    RispondiElimina
  4. Grazie a tutte, davvero. I post "di pancia" (e di pizzetta, ovvio) sono quelli che alla fine risultano più "sentiti". Giovy, quella frase diventerà una magliettasubito per quanto mi riguarda. Grazie.

    RispondiElimina
  5. Maglietta sììììììììì... anch'io!! :-))

    Deliri a parte, quella è una grande frase, come lo è la canzone da dove arriva. Il titolo è Non è per sempre. Ma magari lo sapevi già.
    Ascoltala e lascia che ogni parola ti giri dentro.

    RispondiElimina