27 marzo 2012

Dance your life out (tu chiamalo se vuoi coming out)

La prima volta, una vita fa, che Lui è entrato e mi ha visto farlo ha inclinato la testa di lato e mi ha guardato per un po'. Non me ne sono accorta subito, e quando ho notato la sua presenza ho retto il suo sguardo, imbarazzata certo, ma come fosse una sfida. Se avessi iniziato a riderne io, Lui avrebbe pensato di essere legittimato alla presa in giro. E invece, neanche a dirlo, ha capito.
"Ti lascio da sola". Un filo preoccupato, ovvio, ma tanto doveva solo aggiungere una cosa in più alle mie stranezze. Per dire quella stessa mattina avevo parlato da sola per mezz'ora.
Ha capito che c'è chi corre, chi tira di boxe, chi fuma una sigaretta, chi ci beve su, chi disegna (Lui), chi scrive, chi salamadonna.
E c'è chi balla.
Io ballo.
Lo faccio da sempre.
Quando avevo il pianoforte in casa alternavo le due cose. Ora ballo, e basta.
Mi chiudo in una stanza, le cuffie nelle orecchie, la musica alta, le atmosfere diverse e ballo via i miei pensieri.
Non voglio essere vista. Non voglio essere interrotta. C'è tutto un mondo da sistemare in quella stanza con me, può volerci una canzone o cento, ma muovermi, pensare, rimuginare, saltare, mi aiuta a mettere a posto i tasselli del puzzle. Poi mi sento meglio.
Onanismo musical-ritmico.
Ognuno ha le sue.
Certo io ne ho parecchie, ne convengo, ma ognuno ha le sue, comunque.

Ballo via le persone che non, i fantasmi di ieri e di oggi, le situazione che non voglio affrontare, i piccoli problemi, le tensioni da mamme dell'asilo, i malesseri, il malumori, i cattivi pensieri.
Avere due bimbi in questo senso aiuta: ti consente di ballare come non oseresti mai con la scusa che lo fai per farli divertire, e invece. Ballo molto con loro. Ballo molto da sola. Ballo molto con Lui.
A casa Zeta si balla, voi fate un po' come vi pare.

A proposito: voi com'è che fate?

11 commenti:

  1. Io parlo da solo, suono, mi alleno, bestemmio, mi deprimo, scrivo, salamadonna.

    RispondiElimina
  2. Io mi parlo, davanti allo specchio. O mi insulto, dipende dalle situazioni

    RispondiElimina
  3. sai che ti dico Lara? ci devo provare anche io... mia figlia fa esattamente come te (ma non ha due figli) <3

    RispondiElimina
  4. Anche io ballo, rigorosamente da sola - come te - ma senza cuffie, proprio con la musica al massimo del volume. (il mio lui, ancora, non mi ha mai visto).
    Ballo canzoni con assoli di chitarra elettrica che mi
    immagino suonare come se fossi Janis Joplin o Anouk, ballo come una matta, incazzata nera il più delle volte o contenta come una pazza. E mi viene in mente la frase di Billy Elliot, ogni volta: "la musica è elettricità". Per me lo è perchè sento che le mie gambe si muovono e DEVONO muoversi come se avessi dei tic.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. esattamente così. elettricità. grazie...

      Elimina
  5. che te lo dico a ffare...noi si balla sempre in cucina, quasi sempre con brani di vecchia disco funky anni '70 '80...cucinoteca.
    Adoro ballare da sola o con il mio bambino ballerino, pulcino e pinguino.
    <3
    http://www.facebook.com/photo.php?v=3599413943156

    RispondiElimina
  6. Oh, ballo! Anche io da quando ero piccola e mi allenavo a fare le contorsioni mentre dicevo a tutti che sarei diventata una ballerina del Bolshoi, di cui non sapevo niente se non che fosse un teatro dove si esibivano le migliori ballerine.
    Ogni tanto lo faccio ancora e con grande soddisfazione. E poi canto, a squarciagola e in macchina, con il sottofondo di Radio Italia. Pensa alle peggio canzoni, quelle melense e improponibili, quelle che non confesseresti mai di conoscere a memoria. Ecco, quelle. Io ci canto su, con lo stereo a palla, preferibilmente di sera quando è più facile convincersi che anche se sei in macchina in una via del centro, nessuno ti vede, né ti ascolta...
    Be', che dire, sei decisamente in buona compagnia, mi pare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io le so quelle canzoni lì! E anche io le canto! Adoro!

      Elimina
  7. Pensa, mia cugina una volta mi ha confessato di farlo la mattina, nel traffico della fila dell'autostrada, mentre va a lavoro. Siamo in tante. Dovremmo fondare un club!

    RispondiElimina
  8. io cammino, per le tensioni
    per il tutto il resto, radio italia!

    RispondiElimina
  9. e se non ci fossero donne piene di passione che razza di mondo sarebbe? w le passioni... tutte!!

    RispondiElimina