18 aprile 2012

Sai tenere un segreto?

Un giorno su twitter ho scritto questo:



twitter: @laradiceno
Davvero, era nato dal niente. Solo che ogni tanto vado in giro e vedo gli sguardi delle persone, che sembrano così assorte, così accigliate, così intense nel loro pensare da chiedermi chissà cosa pensa, a chi, perché, chissà se ha un segreto (ma certo, tutti ne hanno) e quale.
E non mi aspettavo di ricevere alcunché. E invece.
E invece tante mail. Ma tante.
E il risultato è che siamo tutti così simili. Ci somigliamo così tanto in quello che proviamo, che abbiamo provato, viviamo o abbiamo vissuto, al punto da sembrare tante maglie di un unico grande tessuto, in cui il presente, il passato e il futuro si intrecciano, e le strade sono tante e ognuno ha la sua andatura, ma sempre di camminare si tratta. Che quello che uno ha vissuto anni fa è forse il presente di qualcun altro. Che i modi di affrontare una fine, una perdita, una sofferenza alla fine sono gli stessi - in cui l'assenza la fa da padrone - cambia solo il modo di percepirsi nella battaglia.
Il che non significa affatto essere banali.
Anzi.
Significa avere il coraggio innanzitutto di ammettere una debolezza con una sconosciuta, perché i segreti sono cose che uno a volte non vuole ammettere neanche a se stesso, sono quelle cose che ci fanno sentire nudi e vulnerabili.
Sono quelle cose che ci fanno sentire, spesso, soli.
Soli con parole che non sai far uscire, soli con sensazioni che credi che non provi nessun altro, soli con quella voglia di dondolarsi fissando il vuoto, che non ne vieni fuori.
E invece siamo tutti così simili. Ci somigliamo tanto.
E allora, immagino una serata in cui trovarci tutti ad un tavolo - ma dai, anche tu? anch'io. giura. giuro - davanti a svariate birre a raccontarci, ad ascoltarci, ad annuire, a piangere, ridere, abbracciarci, ché non siamo così soli come avevamo creduto.
Sarebbe bello.
Io intanto me li tengo i vostri segreti. Me li tengo in un cassetto chiuso a chiave, e vi sento più vicini di quanto non foste ieri. E grazie.

8 commenti:

  1. Noooo...perchè io mi sono persa quel twit????
    Posso recuperare in ritardo?

    RispondiElimina
  2. non esistono uomini giusti o no.gli uomini sono (quasi) gli stessi. esistono invece azioni ed emozioni ,che agiscono nello stesso modo sui nostri cuori di uomini.

    RispondiElimina
  3. Bello. Quasi quasi recuoero pure io.

    RispondiElimina
  4. Eterno dilemma della condivisione

    RispondiElimina
  5. qualche giorno fa mi è piombato - tra capo e collo - un segreto talmente grosso e che in un attimo ha fatto morire una parte di me. come un lutto. l'ho elaborato da sola, ma il giorno dopo la notizia, stavo talmente male, era talmente tanta la merda che dovevo smaltire, che ho pensato: io devo dirlo a qualcuno, uno sconosciuto, perchè altri vicino a me non lo potranno mai sapere. per fotuna che mi sono persa quel tweet.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. peccato invece. avrei ascoltato. non ci sono segreti belli o brutti. sono solo punti di grande vulnerabilità, tutto qui. un abbraccio marta.

      Elimina
  6. Miseria quante birre potremmo prenderci io e te e ridere e piangere e poi magari finire a divertirci, che tutto passa. Resta solo il meglio (spero)

    un abbraccio
    francesca

    RispondiElimina